In ricordo di Salvatore Lopresti: l’uomo, il filosofo, lo scrittore ed il teatro

PROGRAMMA SERATA 05/06/2022

IAV Via Nazario Sauro 23

INGRESSO LIBERO

1) In ricordo di Salvatore Lopresti:

   l’uomo, il filosofo, lo scrittore ed il teatro

moderatrice Elena Lopresti, intervengono: M° Alberto Galietto “Compagnia Stabile del dramma Antico”, Gino Giammarino, Peppe Serroni  “Sedili di Napoli”, Chiara Ferro: Luciano De Crescenzo e Salvatore Lopresti l’opera comune per la divulgazione dell’eredità dei classici greci

2) Personale di Gari: quadri, abiti inspirati ai quadri e collezioni sartoriali

Sfilata ed esposizione di abiti: Lady R & Shibli per Gari, stilista Babi Lopresti.

“Lady R” è un marchio delle sarte Rosina Mosca e Federica Sabatino.

“Shibli” è una marchio sartoriale, giovane, napoletano, nato dalla collaborazione tra la stilista Barbara “Babi” Lopresti, la sarta Federica Sabatino e l’artista estemporaneo Gari.

3) Rosa Miranda recita brani da “Ifigenia in Aulide”, riduzione teatrale di Salvatore Lopresti per la “Compagnia Stabile del dramma Antico”

4) Note moderne Coro polifonico “UnSolCanto”  ed Annina Galiano. Direttore M° Giuseppe Galiano.  La musica moderna interpretata dal coro polifonico e da una grande solista

5) Solisti chitarra classica: 

Pasquale Salapete suona: 1)Roland Dyens “Chancon d’ivoire” 2)Miguel Llobet “Canco del lladre” 3)J. S. Bach “Bourree” 4)John Dowland “Melancholy Galliard” and “Allemande”

Isabel Melluso suona: 1) J.K. Mertz “An malvina” 2) F. Moreno-Torroba “Nocturno”

Silvio Radicci suona: 1) Niccolò Paganini “Romanza” 2) A. Barrios Mangorè “La catedral”

“RICORDO DI SALVATORE LOPRESTI:

L’UOMO, IL FILOSOFO, LO SCRITTORE E IL TEATRO”.

Salvatore Lopresti  (Napoli 25/05/1921 – Potenza 25/09/1992)

Giornalista, scrittore, regista, commediografo ma soprattutto filosofo di vita.

Una serata all’insegna dell’arte e della celebrazione delle origini della nostra cultura greco-romana in ricordo dell’eclettica figura di Salvatore Lopresti. Un uomo del ‘900 che ha saputo innovare la sua Napoli multiculturale e classica attraverso la condivisione con i giovani e la cittadinanza del suo pensiero filosofico, dei suoi scritti e delle rappresentazioni teatrali. 

Tanti gli artisti che dedicheranno un pensiero a Salvatore, con il quale hanno mosso i primi passi nel mondo della cultura e dal quale sono stati ispirati per condurre la propria carriera. 

Il Professor Lopresti è stato un antesignano della riscoperta del patrimonio culturale, storico ed artistico del meridione. 

La passione per il nostro patrimonio culturale ha animato tutta la sua vita e a tal fine vogliamo ricordarlo con una serata all’insegna dell’arte, del canto e del teatro. Nelle sue rappresentazioni teatrali e negli scritti il Professor Lopresti ha espresso il suo profondo legame con la cultura classica e con la città di Napoli, descrivendone la sua storia: dalla fondazione delle colonie di Pithecusa, l’isola d’Ischia dove amava trascorre le serate primaverili ed estive, alle colonie di Cuma e poi di Neapolis. 

La celebrazione delle nostre origini culturali durante la serata moderata da Elena Lopresti e introdotta dal M° Alberto Galietto, ci permetterà di illustrare anche le numerose iniziative presenti al giorno d’oggi in città, come quelle promosse da Gino Giammarino, con la sua casa editrice, e da Giuseppe Serroni con i Sedili di Napoli, e ripercorrere i passi delle antiche tragedie e commedie greche con la nota cantante ed attrice Rosa Miranda. 

Ci sarà anche l’occasione di ricordare un altro grande figlio di Partenope e divulgatore della cultura classica, l’immenso Luciano de Crescenzo, di cui onoreremo il ricordo con il contributo della ricercatrice  dott.ssa Chiara Ferro. 

 Salvatore Lopresti è stato un antesignano della riscoperta del patrimonio culturale, storico ed artistico del meridione, negli anni ’70,  ben prima del movimento neo borbonico e del risveglio dell’orgoglio meridionalista.

In particolare, la svolta dopo un viaggio nel monastero del monte Athos alla lettura di manufatti ivi conservati dei classici greci

Negli anni ’70 fondò la “Compagnia Stabile per il Dramma Antico” particolarmente rivolta alla rappresentazione teatrale di riduzioni teatrali da lui scritte, con la quale fece numerosi spettacoli, tra i quali al teatro Odeon di Pompei, negli scavi di Ercolano, a Paestum, etc

Negli stessi anni aveva fondato al casa editrice “Eraklion” allo scopo di pubblicare libri di alto valore culturale. specie nel campo della filologia classica greca.

Molto attento alla divulgazione tra i giovani portò, per primo, la rappresentazione teatrale del mondo greco nelle scuole con numerosi spettacoli ai teatri Diana, Teatro 2000 (che ora non c’è più), al Palapartenope, etc.

Membro della società degli Hohenstaufen  di Göppingen (Germania), in ricordo della casata Sveva di Federico II, scriveva e teneva conferenze in lingua tedesca.

Nel 1987 scrisse Der Gof Von Neapel Myten Legenden und Erzahlungen, per la divulgazione ai turisti tedeschi della mitologia Campana.

Autore di canzoni e ricostruzioni di musiche della Grecia classica antica.

Nello stesso tempo era un personaggio solare, un filosofo circondato dalla corte di personaggi ed artisti eclettici, dotato di eccezionale vitalità e di un enorme cultura che spaziava in tutti i campi dalla cultura alle scienze. Si ricordano tantissimi episodi della sua personalità solare, ironica ed ilare.

Bibliografia

In cammino con le stelle 09/07/1955 Parte I – Narrativa; Parte II – Teatro

Riduzioni teatrali

Aulidea – Antinea – Saffo a Mitilene

Ifigenia in Aulide

Ifigenia in Tauride

Ippolito – per l’uccisione di Eratostene

Medea

Morte di Socrate – Critone Fedone

Processo a Socrate

Der Gof Von Neapel Myten Legenden und Erzahlungen Dic/1987

*********************

GARI: IL DUALISMO FLUENTE E LA SIMMETRIA  ASIMMETRICA

Dopo aver sperimentato strade diverse, la ricerca si è soffermata sul dualismo bianco – nero, o comunque colore – nero. 

Il principio inspiratore è il TAO: Ying e Yang.

Il TAO però non è statico ma sono forme in movimento: il TAO è un flusso di onde, è un flusso di energia.

Per analogia è l’acqua che da mare diventa cielo e poi da cielo ritorna mare, in un ciclo continuo e perpetuo.

L’acqua, dunque, è l’unicum che contiene in se il dualismo mare-cielo.

L’acqua è la vita, la mancanza di acqua è la morte.

La simmetria asimmetrica è, dunque, espressione del dualismo fluente.

La varietà dei punti, i fili e le bordature generano ricami di onde,  nel tessuto duale di infinito nel finito, che può dar luogo ad immagini che richiamano forme.

In particolare, c’è un  quadro in cui tutti vedono una farfalla. In realtà, l’intenzione  non è quella di  rappresentare una farfalla ma una forma  concettualmente simmetrica, quale espressione del dualismo formale, in maniera asimmetrica, quale espressione del flusso.  La percezione, però, è soggettiva. Dunque, per chi percepisce una farfalla il dualismo fluente è una farfalla! 

Il flusso è la vita, la mancanza di flusso è la morte.

In maniera semplificata, spesso, associamo la notte allo Ying ed il giorno allo Yang. Io credo che questo accade perché l’alternarsi del giorno e della notte e fin dall’ inizio dei tempi la prima forma di dualismo di cui l’uomo ha avuto esperienza.

E’, per l’appunto, un flusso continuo, un dualismo dinamico, ovvero è un dualismo fluente. Anche se non ne siamo coscienti, questo concetto è insito nel profondo dell’essere umano: la vita è un flusso di onde. La musica è fatta di onde, i colori sono fatti di onde. Abbiamo quindi l’espressione artistica più intima e profonda del dualismo fluente dell’essere umano: il dualismo colore – musica, accomunati dalle precise frequenze della scala musicale.

Nella religione cristiana il dualismo è estremo, rappresentato dall’antagonismo del bene e del male, ma il bene ed il male sono due facce della stessa medaglia, in quanto non esiste il bene senza il male e viceversa.

Il bene, però, può diventare il male ed il male può diventare il bene. E’, dunque, anch’esso un dualismo fluente, anch’esso simmetrico ma asimmetrico, perché  il bene ed il male, nell’essere umano, sono speculari ma non sono di uguali dimensioni.

La ricerca grafica, in conclusione, cerca di manifestarsi attraverso l’espressione di un flusso che si muove e/o si espande richiamando simmetrie non simmetriche, privilegiando l’uso del colore nero, simbolo dello Ying, su di un fondo bianco o uniforme, simbolo dello Yang.

*********************

SFILATA ED ESPOSIZIONE DI ABITI:

LADY R & SHIBLI PER GARI, STILISTA BABI LOPRESTI

Shibli è una marchio sartoriale, giovane, napoletano, nato dalla collaborazione tra la stilista Barbara “Babi” Lopresti, la sarta Federica Sabatino e l’artista estemporaneo Gari.

Particolarmente attento a coniugare la ricerca stilistica con la tradizione, le possibilità di variazione, elaborazione e trasformazione di un capo d’abbigliamento e le inclusioni di riferimenti ad opere d’arte nelle creazioni di fashion.

Ad esempio, una delle creazioni di Shibli è la polo in cotone da camicia che consente una maggiore vestibilità e freschezza nel periodo estivo, nonché una eleganza nella formulazione del tessuto.

Presentiamo “Shibli per l’arte” attraverso le nostre polo con i richiami ai quadri dell’artista Gari. Una di queste si presenta poco più larga, per consentire ad una cintura di trasformare la polo in un abito femminile.

Quest’ultima variante propone una ricerca stilistica particolarmente voluta e con significati che hanno un preciso riferimento ideologico. La predisposizione dei bottoni è tendenzialmente maschile, ma è rivolta anche ad un pubblico femminile.

Il primo significato è quello della ricerca della libertà dai canoni dettati dalle imposizioni sociali.

Come, ad esempio, l’imposizione della posizione dei bottoni, a sinistra per l’uomo e a destra per la donna.

Ecco perché noi, contro questa imposizione, proponiamo questo abito indossabile da entrambi i sessi.

L’assenza di bottoni è  la libertà stilistica e di espressione. 

Vogliamo, inoltre, esprimere solidarietà al pubblico femminile contro la violenza delle donne, lanciando un messaggio:

non fare distinzioni di genere e rispettare la donna quanto l’uomo.

Shibli, un marchio di trasparenza nell’impegno nel sociale! 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: