Ascierto: noi medici meridionali sottovalutati…

«I media non enfatizzano i risultati raggiunti dai meridionali»: è questo lo sfogo – nel corso dell’intervista rilasciata al quotidiano “Il Mattino” – di Paolo Ascierto, 56 anni, napoletano, direttore dell’unità di oncologia melanoma, immunoterapia oncologica e terapie innovative dell’istituto Pascale, che a marzo è balzato agli onori della cronaca mondiale per le ricerche che stava conducendo su un farmaco antiartrite, il Tocilizumab, nella lotta al coronavirus.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: