AVELLINO, TRASPORTI AL COLLASSO!!

AVELLINO: capoluogo dalla stazione fantasma e dai mezzi malconci

Avellino è una città irpina ricca di risorse che purtroppo non sono sfruttate al meglio! Risulta particolarmente evidente se si osservano i trasporti e le modalità di gestione degli stessi. Diverse sono le carenze e gli aspetti negativi che caratterizzano questo settore, dagli orari fino ad arrivare alle fermate. A seguito di un’inchiesta condotta tra i giovani adolescenti residenti ad Avellino, abbiamo avuto modo di appurare l’inefficienza dei mezzi di trasporto del capoluogo irpino.

La città, inoltre, possiede una stazione ferroviaria divenuta “fantasma” oramai da un ventennio. Nessuno tra dirigenti e politici si è mai attivato in questo periodo per riportare la ferrovia ai suoi antichi splendori. 

Sfortunatamente le problematicità non si limitano al trasporto su ferro, ma anche a quello su ruota.  Diversi sono le condizioni di disagio in cui i pendolari avellinesi si trovano a patire ogni giorno. Nello specifico i ragazzi hanno riscontrato più volte la carenza di posti in piedi e a sedere, trovandosi così costretti a condurre un viaggio uno addosso all’altro. In alcuni casi, addirittura molti giovani, a causa della mancanza di ossigeno dovuta dal numero eccessivo di passeggeri, hanno avuto improvvisi svenimenti. Ad aggravare ulteriormente la situazione sono la mancanza di adeguati soccorsi e il disinteressamento da parte di autisti o controllori a seguito di questi eventi.

Il sovraffollamento dei mezzi, tuttavia, non rappresenta l’unico problema. Diverse sono state le segnalazioni circa i numerosi e ingenti ritardi dei mezzi pubblici(non parliamo di 5 minuti, ma si passa dai 15 ai 30 minuti di ritardo), a causa dei quali i ragazzi sono arrivati tardi a scuola, hanno perso un appuntamento importante e dovuto rinviare molti altri impegni. 

Non bisogna inoltre trascurare il vandalismo di cui sono vittime i mezzi pubblici. Gli autobus sono in condizioni pietose:gomme da masticare appiccicate ovunque, scritte vandaliche, pali rotti, sedili altrettanto danneggiati… 

La situazione non migliora di certo se prendiamo in considerazione i passeggeri affetti da disabilità, impossibilitati ad utilizzare i mezzi pubblici avellinesi data la mancanza di idonee strutture per disabili.

Spesso, infatti, gli autobus sono sprovvisti della pedana necessaria alla salita sul mezzo delle persone disabili.

Il periodo che stiamo vivendo sta causando diverse problematicità e soprattutto per i trasporti. ALLA LUCE DELLA SITUAZIONE IVI DESCRITTA, COME POSSIAMO SOLO LONTANAMENTE IMMAGINARE DI POTER SALVAGUARDARE LA NOSTRA SALUTE E SCONGIURARE LA DIFFUSIONE DEL VIRUS IN QUESTI MEZZI IN CUI DISTANZE, IGIENE COSTITUISCONO UNA PURA UTOPIA?

Da qui il nostro appello: non guardate dall’altro lato, uniamoci e facciamo sì che i nostri disagi non restino inascoltati ma arrivino a chi sta ai piani alti. Non sono solo le persone ad aver bisogno di cure. Al momento i trasporti del capoluogo irpino versano in gravissime condizioni, al pari di un malato in terapia intensiva. Aiutiamolo nella guarigione!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: