Covid- a Napoli nuovo assalto ai supermercati.

Ci risiamo: il Covid avanza e i supermercati registrano un nuovo boom di vendite di generi di prima necessità. Nelle ultime ore, complici i numeri da record del virus e l’ordinanza regionale della scorsa settimana su mascherine all’aperto h24 e obbligo di termoscanner, «gli acquisti di scatolame, uova, pomodori, lievito, pasta e farina sono cresciuti del 30%», conferma tra i tanti il responsabile di un Conad in zona collinare. «Il pensiero di un nuovo lockdown c’è, eccome», raccontano i cittadini spingendo la spesa nel traffico di carrelli. L’ansia da pandemia assilla di nuovo la città, e non a caso i pallet dei supermercati sono stati riassemblati come ai tempi della quarantena: tonno, passate, olio e farina sono risistemati «a piramide» tra le corsie. Il tutto mentre la riapertura delle scuole a pieno regime – senza il maltempo – sarebbe scattata proprio oggi in città: altro segno del fatto che la contraddizione è diventata la norma sociale in questo autunno 2020.

Napoli torna la paura del lockdown. Sembra di essere tornati ai primi di marzo. I supermercati della città, infatti, sono stati presi d’assalto proprio come accadde quando Giuseppe Conte comunicò al Paese la necessità di chiudere tutto e rimanere a casa. Come riportato dal Mattino, gli scaffali sono stati svuotati. Sono iniziati a diminuire soprattutto farina, lievito, cibo in scatola e altri prodotti facilmente conservabili. “Gli acquisti di scatolame, uova, pomodori, lievito, pasta e farina sono cresciuti del 30%“, ha confermato al quotidiano il responsabile di un Conad della zona. A creare preoccupazione sono stati l’aumento dei casi nella Regione e le parole del presidente Vincenzo De Luca, che non ha escluso eventuali chiusure nel caso in cui i contagi continuino a crescere.

La Campania è – da qualche giorno – la Regione che registra il maggior numero di nuovi casi in Italia. Il bollettino del 28 settembre ne conta 295 in sole 24 ore. Perfino Walter Ricciardi, professore ordinario di Igiene all’università Cattolica e consigliere del ministro della Salute Roberto Speranza, ha dichiarato che la Campania, assieme al Lazio, rischia un nuovo lockdown. Intanto De Luca cerca di correre ai ripari con diverse ordinanze, come quella che impone l’uso della mascherina anche all’aperto e quella che prevede il tampone all’aeroporto di Capodichino per chi rientra dall’estero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: