Cultura in lutto. Addio a Philippe Daverio

Il mondo della cultura oggi piange per una perdita importantissima, si è spento all’età di 70 anni uno dei pilastri del patrimonio intellettuale della società moderna, Philippe Daverio. A darne la triste notizia è stata Andree Ruth Shammah stamattina.

Nato il 17 ottobre 1949 a Mulhouse, in Francia, da padre italiano, Napoleone Daverio e madre alsaziana, Aurelia Hauss, Philippe Daverio era il quarto di sei figli. Dopo un’educazione di tipo ottocentesco in collegio frequenta  la facoltà di Economia e Commercio alla Bocconi di Milano, dove non si laurea pur superando tutti gli esami. Ma, come si sa, non è una laurea a fare la cultura di una persona, e Philippe ne è un esempio pratico. Amante dell’arte, ne diventa un vero critico, oltre che docente, saggista, politico. Lo stesso Daverio dichiarò, a proposito dell’università, “Io non sono dottore perché non mi sono laureato, ero iscritto alla Bocconi nel 1968-1969, in quegli anni si andava all’università per studiare e non per laurearsi“.

Nel 1975 inaugura la Galleria Philippe Daverio in via Monte Napoleone 6 a Milano, dove si occupa prevalentemente di movimenti d’avanguardia della prima metà del Novecento. Nel 1986 viene aperta a New York la Philippe Daverio Gallery rivolta all’arte del XX secolo. Nel 1989 apre a Milano in corso Italia 49 una seconda galleria di arte contemporanea.

Come gallerista ed editore ha allestito molte mostre, e pubblicato una cinquantina di libri, tra i quali ricordiamo: Catalogo ragionato dell’opera di Giorgio De Chirico fra il 1924 e il 1929; Catalogo generale e ragionato dell’opera di Gino Severini. Il 23 luglio 2020 è uscito il suo ultimo libro: “Racconto dell’arte occidentale. Dai greci alla Pop Art”. Alla già grande carriera ha affiancato quella televisiva partecipando a numerosi programmi dedicati alla cultura, come Art’é, nel 1999 su Rai 3, e Passepartout dal 2001 al 2011 sempre su Rai 3.

Ciao Philippe, ci auguriamo di poter finalmente esaudire il tuo desiderio, salvare il mondo attraverso la cultura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: