Galleria Principe di Napoli nasce il “Lazzarelle Bistrot”

Inaugurato ieri, nella Galleria Principe di Napoli, di fronte il Museo Archeologico di Napoli, il Lazzarelle bistrot, un caffè in cui vengono venduti e somministrati i prodotti delle detenute del carcere femminile di Pozzuoli al fine di favorirne l’inclusione sociale e lavorativa.
L’apertura rientra nel progetto di riqualificazione e valorizzazione della Galleria Principe di Napoli, promosso dall’Amministrazione comunale e curato dall’Assessorato ai Giovani, che porterà all’apertura in Galleria di una serie di attività con una forte valenza sociale e culturale.


<<Ci ho da subito creduto e ho sostenuto fortemente questo progetto – dichiara L’Assessore Alessandra Clemente– che, grazie alla competenza e alla passione della Coop Lazzarelle e delle donne del carcere di Pozzuoli, oggi vede la luce>>. La Cooperativa sociale Lazzarelle dal 2001 cura all’interno del carcere di Pozzuoli, la più grande casa circondariale femminile d’Italia, un progetto di formazione professionale che oggi si arricchisce di un nuovo tassello: dalla produzione del caffè Lazzarelle all’attività extra carceraria nel cuore di Napoli. <<Sono certa che diventerà un punto di riferimento in città per quanti vorranno fare una pausa e godersi un buon caffè – Ckonckude la Clemente-. Lo spazio ospiterà inoltre degli appuntamenti culturali che arricchiranno il programma culturale cittadino. Voglio ringraziare Imma Carpiniello, presidente dell’Associazione, per aver reso quest’idea una realtà.

Per aver sostenuto con tenacia i tempi, le difficoltà e le opportunità legate a quest’ambizioso progetto che abbiamo nel nostro cuore per questa straordinaria Galleria monumentale>>.
Insieme all’assessore Alessandra Clemente erano presenti, tra gli altri, il Garante regionale delle persone private della libertà Samuele Ciambriello, il garante cittadino Pietro Ioia, la Direttrice e la ex direttrice del carcere di Pozzuoli Carlotta Giaquinto, Maria Luisa Palma e tante amiche ed amici delle Lazzarelle e di un modello di economia civile che mette al centro non il profitto ma la dignità e la libertà delle persone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: