Le migliori trattorie di Napoli…qualità e prezzo!!

Amo il cibo ed ho girato per la città di Napoli, alla ricerca delle migliori trattorie, quelle antiche, dai sapori gustosi e accattivanti, dalla qualità del cibo, dalle ricette tramandate da generazioni, ma anche dal rapporto qualità e prezzo. Napoli è una città famosa per la pizza. Spendi poco e mangi bene. Ma non è vero. Nel senso che puoi mangiare molto altro, oltre la pizza, e spendere poco. Come accade a Milano, Roma o altre città italiane.

di Carlo Ferrajuolo

Ecco allora trattorie con piatti imperdibili per qualità e prezzo che sono la bandiera di altrettante trattorie in città per andare anche oltre il mitico ragù (di cui avete la ricetta).

1. Vini e cucina dalle Sorelle

patate-La-Spunta-Casone-Pitigliano-Franci-Pagano

Il gattò di patate, meraviglioso piatto ricco (più ci metti, più ci trovi) lo mangiate qui. La ricetta delle sorelle Spoleto, eredi di cinque generazioni di mescite e poi Vini e Cucina all’Arenaccia è quella originale. Patate rosse (quelle vecchie), fiordilatte, salame napoletano, uova, sale, pepe, latte, parmigiano e pecorino grattugiati, pane grattugiato di casa (non quello delle bustine). Il risultato è un miracolo soffice, saporito, fumante che soddisfa l’anima e la pancia. Qui tutta la cucina napoletana è al top.

Il gattò vi costa 6 €. Se scegliete invece menu di mare (antipasto, primo e secondo) spendete 37 € godendo di freschissima insalata di mare, spaghetti a vongole veraci, pesce spada e tre gamberoni alla griglia.

Aperto a pranzo e cena. Chiuso la domenica. Via Benedetto Cairoli, 1 (angolo Piazza Poderico – Arenaccia). Napoli. Tel. +39 081. 45 47 57 

2. Osteria della Mattonella

genovese

La Genovese di Antonietta è famosa in tutta la città: la prepara al massimo due volte la settimana, versando lacrime per pelare chili di cipolle. Voi le versate dopoaverla assaggiata mentre vi commuovete alla vista delle famose ‘riggiòle’ napoletane. L’osteria esiste dagli anni ’50 ed è stata rilevata dalla famiglia Marangio all’inizio degli anni ’70. In cucina c’è Antonietta Imperatrice, nata in Via Speranzella, nel cuore dei Quartieri Spagnoli.

Per la genovese spendete 6 €. Per un pranzo di terra o di mare, dall’antipasto al dolce  all’insegna della pura tradizione, spendete  25 o 30 €.

Aperto a pranzo e cena. Chiuso la domenica. Via  Kerbaker, 58. Napoli. Tel. +39 081. 5567070

3. Osteria da Teresa dal 1913

ricetta-polpette-al-ragù-q

Lepolpette al sugo si possono preparare in vari modi: fritte in bianco o al sugo, meglio se ragù. Quelle più buone di Napoli si mangiano a via Kerbaker, al Vomero, da Teresa, centenaria osteria a conduzione familiare della famiglia Sorvino. Qui le polpette sono prima fritte e poi calate nel sugo. C’è sempre la fila fuori la piccola trattoria per assicurarsi una porzione di polpette seguita da doverosa ‘scarpetta’.

Il prezzo? 4 €. Un pranzo di terra o di mare  (con stocco o alici) vi costa, incluso il vino, 12 €, 14 con il dolce.

Aperto a pranzo e cena. Chiuso la domenica. Via  Kerbaker, 58. Napoli. Tel. +39 081. 5567070 

4. Trattoria da Emilio

ziti

Quartiere popolare, Fuorigrotta. Qui dal 1959 c’è la trattoria che Domenico gestisce insieme alla moglie Tania. Pochi tavoli e tutti, ma proprio tutti, i must della cucina napoletana verace. Io mi sono fatta tentare dagli ziti lardiatiIngredienti semplici: lardo, pomodori, olio, pecorino, aglio o cipolla (ci sono due scuole di pensiero) e basilico fresco.

Un piatto, 3 €! Per  un pasto completo a base di piatti di terra qui c’è il prezzo fisso imbattibile (primo, secondo, contorno, quartino di vino e mezza minerale) a € 7,50 €. Se scegliete il mare: 15 €.

 Aperto a pranzo e cena. Chiuso il sabato. Via Lepanto 45 (Fuorigrotta). Napoli. Tel. +39 081. 2394560. +39 338.1193919

5. Il Porto dei Sapori

calamaro porto sapori

Quattro generazioni in cucina, il nome è cambiato negli anni, tutti a Napoli lo conoscono come Don Antonio, il papà di Biagio e Giovanni, attuali ‘osti’ di questo ‘porto di mare’ che accoglie tutti già dalle 11 del mattino e sino a pomeriggio inoltrato. Cucina napoletana al completo, anche di terra, ma il gigantesco calamaro alla brace è un mito. Cotto a puntino, condito con ‘miscela’ segreta di Giovanni, è calloso, saporito e, cosa rara, pure digeribile.

Il calamaro costa 8 € e difficilmente riuscirete a mangiare altro. Menu di terra: 15 €, vino della casa e dessert incluso. Menu di mare: 20 € sempre con vino e dessert.

Aperto a pranzo. Chiuso la domenica. Molo Immacolatella Vecchia (all’interno del porto – varco Duomo). Napoli. Tel. +39 331. 7349710.

6. La Campagnola

Tribunali-da-piazza-San-Gaetano-Napoli

Nel cuore dei decumani La Campagnola  è in via Tribunali da quasi 70 anni, sosta strategica per visitare il centro storico di Napoli. Qui, oltre a tutti i must della cucina verace, scegliete un piatto della cucina “degli avanzi”: le ‘manfredi’ con ragù e ricotta. Un antico formato di pasta ondulata ai margini, di origine pugliese, della città di Manfredonia. Ragù della domenica ben caldo, da amalgamare con ricotta e parmigiano. E da finire con scarpetta.

‘E mmanfrede ‘rraù e ricotta costano 4 €. Menu di terra (dall’antipasto al dolce, caffè incluso): 20 €. Menu di mare: 22 €.

Aperto a pranzo e cena. Chiuso domenica, lunedì a cena e martedì. Via Tribunali  47. Napoli. Tel. +39 081.459034

7.  Totò, Eduardo e pasta e fagioli

Al Corso Vittorio Emanuele, altezza Piazza Mazzini, da oltre 50 anni, c’è la trattoria di Mario Bianchini, con bellissimo terrazzo e panorama mozzafiato sul golfo di Napoli. Atmosfera casalinga e tanti piatti ‘espresso’ come i bucatini ‘o scarpariello. Pasto molto veloce da prepararsi per i calzolai (gli “scarpari”, da qui il nome “scarpariello”) nella zona dei Quartieri Spagnoli dove c’era un pullulare di fabbriche di scarpe a conduzione familiare. Bucatini, pomodorini freschi, strutto, parmigiano e pecorino, olio, aglio, peperoncino a piacere, basilico e prezzemolo. La scarpetta con il pane che arriva da Frattamaggiore è la fine del mondo.

‘O scarpariello vi costa 3,50 €. Menu completo di terra: 18 €. Con 20 € ordinate baccalà. Pranzo light con baccalà, insalata e un bicchiere di vino a 10 €.

Aperto a pranzo e cena. Chiuso il lunedì. Corso Vittorio Emanuele 514. Napoli. Tel. +39 081.564 2623

8. La Cantina di Via Sapienza

parmigiana

La parmigiana di melanzane è un fatto serio. Piatto jolly da mangiare tiepido o freddo in tutti i momenti della giornata, come primo, contorno o in mezzo al pane ( ‘a marenna napoletana). Secondo Raffaele Bracale, studioso della napoletanità,  la parmigiana non ha origini nel sud Italia, ma nella città del Ducato di Parma da dove nel 1731 emigrò verso il Regno di Napoli e lì prese stabile dimora. La parmigiana più buona si mangia in Via Sapienza, alle spalle del Vecchio policlinico. La cantina ha oltre cent’anni, genuinità e sapore garantiti.

Con 3 € vi assicurate una fetta di paradiso accompagnata da magnifico pane ‘cafone’napoletano doc. Menu a base di piatti di terra (dal primo al dolce con vino della casa) 20 €. Menu di mare: 25 €.

Aperto a pranzo. Chiuso la domenica. Via Sapienza 40. Napoli. Tel. +39 081.459078

9. Cucina tipica da Vittorio

stoccafisso

Siamo ai confini dei quartieri Bagnoli e Fuorigrotta. Qui da oltre cinquant’anni c’è Vittorio Correale, esile cuoco ‘equilibrista’ (la sua cucina non arriva a 3 mq) che fa miracoli soprattutto il venerdì. Prepara lo stocco, o meglio il coronello in bianco con le olive. Alto circa dieci centimetri, condito con ottimo olio e olive nostrane è il migliore di Napoli. Lo mangiate fianco a fianco con sconosciuti (qui non ci sono posti assegnati), ma la bontà del cibo,  l’atmosfera familiare e l’esiguità del prezzo, valgono il viaggio.

Per lo stocco  spendete 7 €. Il menu completo di terra e mare (senza distinzione) con antipasto e bevande: 22 €. Il segreto? La fatica, la spesa oculata e la conduzione rigorosamente familiare.

Aperto a pranzo e cena. Chiuso la domenica. Via Diocleziano, 67 (Fuorigrotta). Napoli. Tel. +39 081.7626129

10. Vini e Cucina dal 1913

alici fritte

La famiglia Liguori cominciò con poco: pasta e fagioli, alici e baccalà fritti. Durante la festa di Piedigrotta (ormai scomparsa) Salvatore Liguori metteva una grossa pentola colma d’olio per friggere le alici sul marciapiede  e vendeva i cd. ‘cuppetielli sale e pepe’ per i quali la gente impazziva. Oggi quelle alici sono le migliori di tutta Napoli. Pulite ogni giorno freschissime da mamma Luisa che poi le frigge nelle padelle nere di una volta (oggi introvabili).

Un abbondante  piatto di alici fritte dal sapore inimitabile 3,50 €. Un pranzo a base di piatti di terra (incluso il vino) : 10 €. Pesce (si preparano soltanto alici, spaghetti a vongole, frittura di paranza o gamberi e calamari, insalata di polipo): 15 €.

 Aperto a pranzo e cena. Chiuso la domenica sera. Via Piedigrotta 56. Napoli. Tel. +39 081.667923

11. Trattoria da Nunzia

Trattoria di periferia, si trova in zona Agnano, aperta solo a pranzo. Estremamente economica, cibo buono e grande scelta tra carne e pesce. Le Porzioni sono abbondanti quindi meglio regolarsi soprattutto se si tratta di “pranzo di lavoro”. Locale con trattamento familiare, ha tanta roba pronta subito per chi lavora ed ha fretta. Tutto genuino e di buona fattura. Dimentica il softvegano o la dieta: porzioni abbondanti. Prezzi contenuti. Meglio prenotare

Via Augusto Righi Napoli (località Agnano zona via Pisciarelli). 081-5707184

12. Trattoria Nennella ai Quartieri Spagnoli

Trattoria storica e folkloristica di Napoli. Si mangia anche bene, soprattutto, specialità il piatto pasta patate con provola, ma anche le altre pietanze sono ottime. da squisito. Personale guitto e folkloristico con urli e canti della Napoli popolare, ma simpatici e molto gentili con , si mangia a menù completo a 12€ a testa con primo secondo contorno frutta limoncello e caffè ma non si può dividere un menù in due , di solito c’è fila ma scorre abbastanza veloce se si è fortunati e non si prendono prenotazioni , da andarci almeno una volta per provare , consigliato.

IVico Lungo Teatro Nuovo, 103/104/105, 80134 Napoli NA tel 081-414338

13.Trattoria O’ Curniciello

Ottimi antipasti, primi e secondi. Generosità dello chef e del personale di sala che ci hanno consigliato al meglio. Prezzi coerenti alla tipologia di servizio e piatti proposti. Cosa dire di questo ristorante? 10 e lode! Location molto bella, cucina eccezionale. Abbiamo mangiato sia il pesce che la pizza, entrambi una delizia per il palato. Ci ritorneremo presto. Con 20 euro a testa mangi divinamente.

Calata Ponte di Casanova, 19/21, 80143 Napoli NA Tel: 081 1925 9357

14.Antica Trattoria Capri

Trattoria situata in una delle prime traverse dei quartieri spagnoli, alle spalle del teatro Augusteo. Locale piccolo, ma con possibilità di mangiare ai tavolini che danno sulla strada. Molto buono l’antipasto con mozzarelle e prosciutto guarnito da un “cuoppo” di pasta di pizza. Ottimo il polpo stufato. Assolutamente da provare la pasta e fagioli con frutti di mare muisti ed il pesce, avvolta da un cappello di pasta di pizza ( piatto tipico della trattoria). Porzioni abbondanti e prezzi da trattoria. Con 20 euro mangi alla grande!!

Pasta e fagioli con pesce e frutti di mare avvolta da un cappello di pasta per pizza. Una specialità.

Via Speranzella, 110, 80132 Napoli tel 081-0383486

A cucina ‘e mamma

Trattoria a pochi passi da Piazza Carlo III nei pressi del famoso Orto Botanico di fronte alla ex Caserma Garibaldi. A’ Cucina e Mamma’ è una cucina caratteristica della vecchia Napoli, piatti abbondanti e cucinati bene a prezzi contenuti, si può pranzare e cenare sia all’interno che fuori. Pizza favolosa!. Ci ritornerò senza dubbio!. Prezzi bassi cucina ottima

Via Foria, 99/101, 80137 Napoli Tel: 081-449022

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: