L’EIC adotta il Piano d’Ambito Regionale. 

La rivoluzione del servizio idrico integrato inizia da qui

Il Comitato Esecutivo ha dato il via libera al documento in cui è scritto il futuro del bene più prezioso. Migliaia di pagine e oltre sei milioni di dati raccolti per programmare risorse ed interventi. Il Presidente Luca Mascolo: «Svolta storica per la Campania. Lavoriamo per le prossime generazioni»

Il Comitato Esecutivo dell’Ente Idrico Campano, riunito in modalità in parte telematica, ha adottato nel pomeriggio di lunedì 28 dicembre il Piano d’Ambito Regionale, cardine sul quale verrà costruito, nel prossimo trentennio, il servizio idrico integrato della Campania. Si volta pagina per una gestione più moderna, economica, efficiente e sostenibile del ciclo integrato delle acque. Un’opera enciclopedica composta da migliaia di pagine tra elaborati grafici, tabelle e la relazione allegata, nella quale trovano spazio una capillare opera di ricognizione territoriale (con oltre 6 milioni di dati raccolti), necessaria a fotografare lo stato in cui versano le infrastrutture idriche nei 550 comuni della Campania ed il piano programmatico degli investimenti fondamentali per garantire acqua sicura e di qualità ai cittadini campani. Un documento di portata storica prodotto, in house, dalla struttura tecnica guidata dal Direttore Generale, professore Vincenzo Belgiorno. 

   Raggiungere standard più elevati nella gestione delle reti e della distribuzione di acqua potabile, di quelle fognarie e degli impianti di depurazione, estendere le reti di distribuzione ad aree non servite o servite in maniera insufficiente in modo da garantire il pieno soddisfacimento del fabbisogno di acqua potabile in tutte le aree della Campania. Coprire l’intero territorio regionale per i servizi di fognatura e di depurazione, incrementare i controlli sulle acque distribuite e sugli scarichi, rendere più efficienti i sistemi depurativi ed estenderli alle aree non collettate, ridurre i costi di gestione anche attraverso il potenziamento dell’utilizzo della tecnologia. Realizzare opere di ristrutturazione ed adeguamento delle reti, introdurre, infine, il controllo da remoto. Questi sono solo alcuni degli obiettivi da realizzare per migliorare la qualità della vita dei cittadini campani.

   I fondi del Next Generation Ue rappresentano un’occasione imperdibile per reperire risorse adeguate a sostenere questa rivoluzione da 12 miliardi di euro. Forse l’ultima spiaggia per recuperare i ritardi accumulati nel corso dei decenni (gli ultimi interventi di manutenzione risalgono alla Cassa del Mezzogiorno) ed avvalersi finalmente di infrastrutture efficienti che consentano di eliminare lo spreco della risorsa più preziosa. 

   «Con l’adozione del Piano d’Ambito scriviamo una pagina storica del servizio idrico integrato in Campania» afferma con orgoglio il Presidente Luca Mascolo. «Per la prima volta la regione si dota di uno strumento così articolato di ricognizione e di programmazione che sarà la bussola per l’organizzazione del sistema idrico integrato nel prossimo trentennio. Si tratta di un traguardo di grande portata per l’ente che ho l’onore di rappresentare. Era nostro dovere raggiungere questo obiettivo per il bene dei cittadini campani e abbiamo tenuto fede all’impegno. Ringrazio il Direttore Generale, professor Vincenzo Belgiorno e la struttura tecnica per la grande prova di professionalità, abnegazione e capacità messa in campo in questi duri mesi di lavoro segnati anche dall’emergenza sanitaria da Covid-19. Ora bisogna rimboccarsi le maniche per far comprendere che intervenire sul servizio idrico integrato significa investire sul futuro. Vuol dire interessarsi alle prossime generazioni e non alle prossime elezioni».  

Campania Green, al via i finanziamenti per reti fognarie e depuratori

Nella sede EIC in Via De Gasperi firmate le prime convenzioni relative all’Accordo di Programma per la realizzazione di interventi di miglioramento del Servizio Idrico Integrato in Campania. Il Presidente Luca Mascolo: «Lavoriamo senza sosta per garantire ai cittadini un ambiente più sano e un mare pulito»

Sono state firmate mercoledì 27 gennaio le prime convenzioni per la gestione del finanziamento relativo all’Accordo di Programma per la realizzazione di interventi di miglioramento del Servizio Idrico Integrato sottoscritto tra Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Mare e del Territorio, Commissario Straordinario Unico per la Depurazione, Regione Campania ed Ente Idrico Campano. 

   I sindaci dei comuni, gli enti individuati dal Comitato Esecutivo  come i soggetti attuatori dei progetti, sono stati accolti dal Presidente Luca Mascolo e dal Direttore Generale Vincenzo Belgiorno nella sede istituzionale dell’Ente in Via De Gasperi per siglare le convenzioni che disciplinano le risorse assegnate allo scopo di realizzare o completare numerose infrastrutture nel settore fognario e depurativo. 

   I primi a sottoscrivere il documento sono stati i sindaci di Caivano, Procida, Mignano Monte Lungo, Casalbuono, Sanza, Castel San Lorenzo, Gioia Sannitica, Vallata, Venticano, Limatola, San Marco dei Cavoti, Solopaca per un valore complessivo che ammonta, per i relativi  interventi, a un totale di circa 50 milioni di euro.

   «Stiamo lavorando senza sosta per realizzare la tanto auspicata svolta green per la Campania» dice il Presidente dell’Ente Idrico Campano Luca Mascolo. «Da questo punto di vista quella di oggi è stata un’altra importantissima tappa nel difficile percorso intrapreso per garantire ai cittadini la possibilità di usufruire finalmente di impianti depurativi e fognari adeguati restituendo alle future generazioni un ambiente più sano e un mare più pulito». Luigi Mannini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: