Nord Corea, Kim Jong Un confisca i cani domestici. La denuncia: finiscono nei ristoranti

Il dittatore nordcoreano Kim Jon-un vieta i cani da compagnia, i proprietari lo maledicono e lanciano l’allarme: “Finiranno nei piatti”. Kim Jong-un ha ordinato la confisca dei cani da compagnia in quanto simbolo della “decadenza capitalista e di una tendenza ‘contaminata’ dall’ideologia borghese”.

A Pyongyang nessuno potrà più tenere animali domestici secondo quanto riporta il quotidiano sudcoreano “Chosun Ilbo” che ha citato una fonte anonima. Il folle divieto risalirebbe a luglio: “Le autorità hanno identificato le famiglie con cani da compagnia e le stanno costringendo a rinunciarvi oppure gli animali vengono confiscati con la forza e soppressi”. Al dramma si aggiunge l’orrore: in Corea del Nord c’è carenza di cibo e i proprietari hanno fondati motivi di ritenere che i loro amici a quattro zampe non finiscano solo negli zoo statali, ma anche nei ristoranti di carne di cane. Alimenti per le masse meno abbienti. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: