Reagan, il presidente che cambiò gli Usa.

Reagan il presidente che cambiò l’America

In una ricca ed avvincente biografia, Gennaro Sangiuliano direttore del tg 2, racconta una versione inedita e sorprendente della vita del quarantesimo presidente degli Stati uniti d’America, monografia presentata nei giorni scorsi presso la Camera di commercio di Napoli.

 Il suo stile oratorio persuasivo gli fece guadagnare la fama di grande comunicatore. Prima di entrare in politica fu un attore cinematografico e fu a capo della Screen Actors Guild. Negli anni quaranta aderì al Partito Democratico, ma passò ai Repubblicani negli anni sessanta. Fu governatore della California per due mandati. Dopo la sconfitta di Barry Goldwater alle presidenziali del 1964, divenne la figura più importante del movimento conservatore degli USA. Ma fu solo nel 1980 che avrebbe conquistato la presidenza degli Stati Uniti d’America, sconfiggendo di gran lunga Gimmy Carter, superandolo di ben 8  milioni di voti. Parliamo di Ronald Reagan , quarantesimo presidente degli stati Uniti d’America, raccontato da Gennaro Sangiuliano , direttore del tg in una ricca ed avvincente biografia, edita Mondadori, presentata nei giorni scorsi presso la Camera di Commercio di  Napoli su iniziativa del dottor Gianni Lepre.

Genny Sangiuliano direttore TG 2

Al cospetto di un parterre di giornalisti , imprenditori, orafi ed artigiani, il giornalista, intervistato da Gigi Marzullo ha dichiarato: “Scrivo biografie perché sono un crociano”, e del resto la storia è una sorta di cassetta degli attrezzi che ci consente di interpretare il presente attingendo opportunamente alle vicende del passato”.

Una biografia dettagliata e  avvincente, che rende giustizia al presidente repubblicano il cui mandato intercorse tra il 1981 e il 1989. Uomo di grandi vedute, ebbe grande lungimiranza politica , contribuendo , con le sue intuizioni a rendere gli Stati uniti d’America un paese florido.

Anche la vita privata di Ronald Reagan è scandagliata in maniera avvincente da Gennaro Sangiuliani, che si sofferma sulle origini umili del presidente e della sua determinazione a raggiungere traguardi sempre più ambiziosi nonostante le difficoltà economiche della sua famiglia, la cui unica fonte di reddito era il lavoro precario di suo padre, un commesso con la dipendenza da alcoolismo. Nato nel 1911 a Tampico, nell’Illinois, in umile famiglia di origini irlandesi, Reagan si trasferì nel 1920 nella cittadina di Dixon. 

Fu un ragazzo intraprendente, che, nonostante le ristrettezze economiche, si sarebbe laureato in economia pagandosi gli studi lavorando come bagnino al Lovell Park, sulle sponde del Rock River.Subito dopo prese forma il suo sogno di diventare giornalista sportivo, sogno che coronò raggiungendo in breve il successo al punto di  diventare una star in tutto il Midwest. .

“Si vedeva come un uomo comune  che incarnava le speranze e le aspirazioni di una nazione”, scriverà il suo biografo Lon Canon , e lui sarebbe rimasto infatti, per tutti un “ragazzo della Maine street” anche dopo aver conquistato la casa bianca.

Giunto ad Hollywood , intraprese casualmente la carriera  di attore , ricoprendo ruoli non di protagonista, ma sempre in produzioni importanti, e fu accerchiato sempre da star, come Bette Davis, o Jane Wyman ( quest’ultima fu la sua prima moglie). Affidabile, meticoloso, stimato, non  ebbe difficoltà a presiedere il sindacato americano degli attori americani,la Screen Actors guild.

Positivo il giudizio espresso da Fabrizio Luongo, vicepresidente della Camera di commercio di Napoli , in merito alla biografia presentata al Palazzo della Borsa di napoli. “La lettura della biografia di Reagan ha piacevolmente rivelato alcuni aspetti del politico e dell’uomo inediti alla maggior parte di noi. Certamente la provenienza di Reagan dal mondo sindacale ha contribuito a forgiare la sua tempra di politico, di oratore e la sue capacità di mediazione , al punto che la Thatcher, esprimendo apprezzamento per lo statista, avrebbe dichiarato: “Ha vinto la guerra fredda senza sparare neanche un colpo”.

Pragmatico, deciso a condurre gli Stati Uniti verso una ripartenza economica, avrebbe puntato con lungimiranza al settore delle nuove tecnologie, e il fiorire in quegli anni della Silicon valley, avrebbe confermato questa sua intuizione.

Contrario al reddito di sussistenza, avrebbe riformato tale istituto, riservando tale forma di sussidio esclusivamente ai meno abbienti, inserendo gli altri beneficiari in percorsi lavorativi.

Considerato da molti un parvenu della politica, lui, a chi fosse stupito che un attore fosse alla presidenza degli States, avrebbe risposto beffardo che tutti i politici recitano un copione.

Per Sangiuliano Reagan è , in definitiva un conservatore illuminato, nel senso più positivo del termine e la storia gli avrebbe  dato ragione.

Preservare i valori tradizionali non gli impedì, infatti di avere uno sguardo lungimirante verso il futuro. Infatti il concetto di edonismo reaganiano, mutuato in Italia, esprime il benessere che il nostro stato, di riflesso , visse in quegli anni per effetto della sua politica , che avrebbe avuto un impatto mondiale.

Intervistato da Marzullo dinanzi ad una platea di imprenditori, giornalisti ed artigiani, Gennaro Sangiuliano ha realizzato una biografia inedita del quarantesimo presidente degli States, dalla quale si evince, a posteriori, un giudizio positivo del politico e dell’uomo , tratteggiato come un uomo libero e votato alla causa del bene supremo del Pese, propositivo e determinato a garantire il benessere della collettività. “Mi sono appellato alle vostre speranze, non alle vostre paure, alla vostra fiducia, e non ai vostri dubbi”. Dichiarò all’insediamento del suo mandato in modo accorato, infondendo con tali parole fiducia nei suoi elettori.

Nella lunga intervista rilasciata a Marzullo, Gennaro Sangiuliano ha infine sottolineato l’importanza di conoscere la storia per poter interpretare le vicende attuali, poiché “ il pluralismo dell’informazione che ci consente di accedere in tempo reale alle notizie geopolitiche consente al fruitore dell’informazione di comprenderle meglio attraverso una conoscenza delle premesse storiche degli accadimenti odierni. Ha inoltre espresso  fiducia  per il futuro economico del nostro paese.

Infine, il direttore del tg 2 ha preannunciato una sua prossima biografia , questa volta dedicata al politico turco Erdogan.

Valentina Capuano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: