Sanremo Top e Flop

La prima serata del Festival di Sanremo 2022 è appena finito. Ma quali sono stati i migliori e i peggiori momenti dello show? Quali i top e i flop?

La prima puntata del festival di Sanremo 2022 è appena finita. Dopo averne seguito la cronaca minuto per minuto e valutato le esibizioni, è il turno di vedere quali sono stati i momenti migliori e quali i peggiori dello show, i top e i flop della prima serata di Sanremo 2022..

I MOMENTI TOP DELLA PRIMA SERATA DI SANREMO 2022

  • MANESKIN

Il primo momento top della prima serata di Sanremo 2022 è senza dubbio l’ospitata dei Maneskin. Il gruppo ha vinto Sanremo nel 2021 e si è ripresentato a un anno esatto all’Ariston dal tetto del mondo del rock. Acclamati in mezzo mondo dopo il trionfo all’Eurovision, i Maneskin non si sono risparmiati e hanno regalato una doppia esibizione dal sapore misto. Sono davvero il futuro della musica italiana.

  • MAHMOOD & BLANCO

Il secondo momento top della prima serata di Sanremo 2022 è rappresentato dall’esibizione di Mahmood e Blanco. Sul palco, la loro alchimia era talmente forte da far passare quasi in secondo piano la bellissima canzone portata al festival. L’intesa era quasi erotica e l’emozione che traspariva ha conquistato sia la platea in sala che il pubblico a casa. Intimista uno, più duro l’altro, sono da brividi.

  • LA RAPPRESENTANTE DI LISTA

Quarta menzione top è per Veronica Lucchesi, la cantante dei La Rappresentante di Lista. Con lunghe extension bionde, una corona in testa e un modernissimo frac Moschino, ha osato nel look e ha vinto. Complice poi una canzone dal ritornello avviluppante, Ciao Ciao rimarrà nella storia delle esibizioni più iconiche del festival.

  • GIANNI MORANDI

Quinto e ultimo momento top lo si è infine raggiunto con Gianni Morandi, uno dei senatori del festival. Allegro, solare, divertente, è riuscito a modernizzare il suo stile, confermandosi l’eterno ragazzo della musica italiana. Con buona pace dei ventenni.

Fiorello a Sanremo

Nel primo monologo Fiorello ha dedicato ampio spazio alla politica. «Sono come Mattarella, che non voleva fare il Presidente. Voleva andare a The Voice Senior», le sue parole. «Draghi? Era già pronto con il discorso a banche unificate». Poi una battuta sul generale Figliuolo: «Può essere lui il prossimo direttore artistico del Festival». Applausi e risate per la gag sui no vax. Fiorello alza il braccio, dice di sentire dolore e sottolinea: «Attenzione, è il vaccino, sono i poteri forti, è il grafene…».

I 5 MOMENTI FLOP

  • IL NON RISPETTO PER LUIGI TENCO

Il primo momento flop da cancellare riguarda Fiorello. È il Mattarella dell’intrattenimento ma spesso si fa prendere la mano. La gag sulle canzoni tristi che diventano divertenti andava studiata e ponderata meglio, evitando di inserire le note di Luigi Tenco, uno che a Sanremo si è sparato in testa. Decisamente fuori luogo scherzare in questo caso con i santi.

  • L’ANGOLO AD MEMORIAM

Secondo momento flop della prima serata del festival di Sanremo è stato l’angolo che potremmo definire ad memoriam. Amadeus ricorda i grandi attori italiani con cui ha lavorato Ornella Muti. Si tratta di grossi nomi passati a miglior vita ma nel novero viene inserito anche Francesco Nuti. Capiamo l’omaggio ma aveva quasi il sapore del coccodrillo. Inappropriato.

  • LO SPONSOR SPETTACOLO

Il terzo momento flop della prima serata di Sanremo 2022 non può che andare all’introduzione del siparietto promozionale sulla nave da crociera. Lo si è affidato a Fabio Rovazzi e Orietta Berti. Volto sì familiare e rassicurante, Orietta è parsa fuori luogo e sopra le righe. Nel cercare di essere giovane ha esagerato manifestando anche una certa dose di nervosismo.

  • L’INVASIONE DI RAI FICTION

Il quarto momento flop si ripete diverse volte nel corso della prima serata. Rai Fiction ha preso il sopravvento e in rassegna porta sul palco i protagonisti delle sue serie più amate, da Claudio Gioè a Raoul Bova. Altri ne arriveranno nelle prossime serate ma i siparietti studiati sanno tanto di pretestuoso quanto di superfluo.

  • LA PRESENZA NON PRESENZA DI ORNELLA MUTI

Ultimo flop, ci dispiace dirlo, è da ricollegare alla presenza di Ornella Muti. Più che co-conduttrice, è stata quasi un fantasma che ogni tanto appariva sul palco senza un racconto televisivo che ne accompagnasse la presenza. Il momento Non è l’età voleva essere malinconico ma si è rivelato poco riuscito, per non dire fallito. L’attrice non ha lasciato il segno nemmeno con le altre uscite, troppo misurate e contenute.Riproduzione riservata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: