Tropea il “Festival dei 5 colori” dal 18 al 22 maggio.

Nasce a Tropea il “Festival dei 5 colori”, dedicato alla dieta mediterranea. Debutterà in città dal 18 al 22 maggio. A causa della pandemia, sono quasi 23 milioni gli italiani, tra adulti e bambini, che sono aumentati di peso, rischiando disturbi cardiovascolari e metabolici e malattie come tumori e diabete. A tal proposito così si esprime Francesco Cognetti, presidente della Fondazione Insieme contro il cancro“Queste cinque giornate saranno un’importante occasione di incontro per diffondere la tutela del benessere, soprattutto dopo il Covid. Esso ha modificato negativamente le abitudini quotidiane di gran parte della popolazione. Per esempio, 1,2 milioni di persone hanno iniziato o ripreso a fumare e il 44% dei bambini e il 32% degli adulti è aumentato di peso”. Per contribuire ad arginare questa pericolosa situazione, nasce la prima edizione del festival dedicato alla sana alimentazione, con protagonista la dieta mediterranea.

Verdure E Frutta

Gli obiettivi del Festival dei 5 colori

A ideare il Festival è l’Associazione Pancrazio, nata da giovani studenti di medicina, farmacia e biologia per realizzare progetti nel campo della salute e del benessere. Dedicato alla sana alimentazione, vedrà l’alternarsi dell’intrattenimento a convegni con importanti opinion leader del mondo medico, perché cibo significa in primo luogo salute. Il tema principale è la prevenzione, che verrà affrontata in tutti i suoi aspetti, con l’obiettivo di sensibilizzare la collettività sull’importanza di seguire corretti stili di vita. Si rivolge a tutte le fasce d’età e sarà trasmesso in streaming per raggiungere un più vasto pubblico. L’obiettivo è quello di diventare, anno dopo anno, punto di riferimento nel mondo della corretta alimentazione.

Festival 5 Colori

Esperti da tutto il mondo riuniti per i 5 colori della dieta mediterranea

Alle cinque giornate parteciperanno personalità di prestigio come Piero AngelaWalter Willett, professore di Epidemiologia e nutrizione alla Harvard School of Public Health. Ed ancora Mahomed Sefiani, sindaco della città del Marocco Chefchaouen, partner del progetto. Ma anche istituzioni, personaggi del mondo della musica, dello sport e dello spettacolo del calibro di Luca Ward. Gli incontri più culturali verranno accompagnati da attività ludiche, come partite di calcetto e beach volley, aperitivi, lezioni di ballo, premi. In una delle serate ci sarà la “5mila passi”, una camminata fra le bellezze artistiche della città per sensibilizzare sull’importanza di fare movimento per prevenire sovrappeso e obesità. Si approfondiranno le potenzialità dei cibi del futuro e della nutraceutica, si discuterà di sostenibilità e rispetto dell’ambiente.

Informazione su salute e benessere

A prendere la parola durante i numerosi convegni saranno importanti clinici, come Alessandra Graziottin, Rossana Berardi, Francesco Cognetti, Giordano Beretta e Saverio Cinieri, Agostino Consoli e Ciro Indolfi. Con loro si discuterà di sport e malattie cardiocircolatorie, nutrizione e diabete, prevenzione del cancro a partire dal piatto, fake news e corretta alimentazione. “L’interazione tra stili di vita e abitudini alimentari errate incide fortemente sullo sviluppo di patologie. Per questo la Dieta Mediterranea Italiana di Riferimento (DIMIR) è molto indicata come strumento di prevenzione primaria. Gli studi del mio gruppo di ricerca hanno dimostrato come questi alimenti si associno a un miglioramento significativo dello stato di salute”. Sostiene Antonino De Lorenzo, Direttore del Dipartimento di Biomedicina e Prevenzione dell’Università degli studi di Roma Tor Vergata.

Festival Colori Slide

Le dichiarazioni dei rappresentanti istituzionali sul Festival dei 5 colori

“Come Regione Calabria siamo onorati di ospitare il Festival perché crediamo sia fondamentale ricordare quanto la corretta alimentazione possa incidere sulla salute. Siamo felici che l’Associazione abbia deciso di realizzare questo Festival in Calabria. Un progetto che può migliorare l’approccio al cibo e contemporaneamente valorizzare un territorio con prodotti tipici di alta qualitàDichiara la vicepresidente Giuseppina Princi. “La nostra è una delle regioni italiane più colpite dai problemi legati al peso eccessivo di grandi e piccoli, ma anche una delle capitali della dieta mediterranea. Per questo, sensibilizzare a un consumo sano del cibo, qui, è ancora più importante. Con le buone abitudini a tavola si può davvero fare prevenzione“. Afferma il sindaco di Tropea Giovanni Macrì.

Le dichiarazioni di Maria Teresa Carpino, vicepresidente di Associazione Pancrazio

“Il numero 5 sarà il simbolo ricorrente del Festival. Rappresenta i cinque colori del benessere, rosso, verde, bianco, giallo e blu, legati a frutta e verdura, che non possono mancare in una dieta equilibrata. L’idea è nata grazie a “Dammi il 5”, un progetto nazionale della durata di tre anni realizzato in collaborazione con SID Società Italiana di Diabetologia, SIC Società Italiana di Cardiologia e SIP Società Italiana di Pediatria e che ha ottenuto il patrocinio del CONI. Abbiamo costruito nelle scuole un percorso di educazione alimentare dinamico che possa coinvolgere direttamente i bambini e le loro famiglie. Da questo importante coinvolgimento nasce l’idea del Festival. I pasti sono per tradizione un importante momento di socialità, in tutte le culture. Parlarne con personaggi di rilievo, in una cornice ricca di iniziative divertenti e incontri interessanti, ci permetterà di metterne in luce il valore”.Festival dei 5 colori, in onore della dieta mediterranea.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: