Amore liquido: amore effimero in una società precaria

L’amore liquido è un amore diviso tra il desiderio di emozioni e la paura del legame. “

Con questa citazione del grande sociologo Bauman ha avuto inizio una  nuova puntata di indagine sociale di Imagine – Il Mondo Che Vorrei. La mia intenzione è stata quella di scrutare a fondo su un dato di fatto che fa parte della vita attuale, la frivolezza, e in particolar modo sulla considerazione che non solo i giovani hanno ormai sul nobile sentimento dell’amore, l’Amore Liquido, denominato così dal grande maestro Bauman.

Partiamo subito guardando un dato oggettivo: l’umanità di oggi si trova a vivere in una situazione incerta e caratterizzata dal soggettivismo, dalla violenza e dall’ingiustizia, la società in cui viviamo non è più stabile, ma liquida, sfuggente, inafferrabile. In questo status di caos si trovano a dover convivere anche tutti i sentimenti umani, in primis l’Amore, che sembra stia diventando un semplice strumento per la gratificazione strettamente personale: anche l’amore, come del resto l’intera società, sta diventando liquido, un sentimento diviso tra il desiderio di vivere emozioni da un lato e la paura di legarsi effettivamente a qualcuno dall’altro, anche perchè, a riflettere bene, se i legami richiedono impegno, le connessioni sono invece semplici.

Riflettiamo: stabilire un legame forte con qualcuno non è sempre facile, vengono messi in gioco parecchi fattori e in primis l’impegno e il senso di responsabilità. Secondo Bauman, quelle che si creano al giorno d’oggi sono connessioni più che relazioni ( il riferimento non è solo alle nuove tecnologie che ci permettono di rimanere collegati anche a distanza ). Però, andando anche forse fuori tema, vorrei spezzare una lancia a favore di chi, impaurito dai legami e dalla società, rifiuta un rapporto stabile. Mi spiego:

Diciamo la verità: il mondo di oggi vive di precarietà sotto tutti i punti di vista, da quello lavorativo alla sfera personale, e questa instabilità, questa debolezza non si può non avvertirla anche in amore, ecco che l’amore liquido ( ovvero l’amore diviso tra il desiderio di vivere emozioni da un lato e la paura di legarsi effettivamente a qualcuno dall’altro ) si fa sempre più spazio … Qui pongo una mia riflessione: immagino me stesso anta anni fa, quando la mia età si poteva aggirare tra i 25/30 anni, ma proiettato nel mondo di ora: c’è una società allo sbando, lavoro precario e malpagato, poche speranze da poter dare ad un possibile figlio … beh, avrei riflettuto tantissimo sulla possibilità di sposarmi, e non per mancanza di amore nei confronti della mia partner, ma proprio perchè sarebbe impossibile poter vivere in un mondo così vuoto!

Torniamo a noi, al punto della nostra indagine. Le relazioni attuali sono diventate più fugaci e superficiali soprattutto con l’avvento di app. di messaggistica e i social. Siamo evoluti, o forse involuti, andando verso il consumismo che non riguarda solo i beni materiali ma soprattutto il consumismo affettivo. Andiamo alla ricerca spasmodica di stimoli forti e coinvolgenti, alla ricerca della soddisfazione di bisogni temporanei piuttosto che in direzione di qualcosa di più durevole e faticoso da conquistare. Bauman parla di “liquidità dell’amore di sè”. 

Si parla spesso del fatto che per amare un’altra persona in modo maturo e per costruire un legame affettivo solido sia necessario amare se stessi, ma c’è una netta differenza tra individualità ed egoismo. Stabilire una relazione forte richiede impegno; la paura e l’immaturità sono due fattori che rendono impossibile la creazione di rapporto autentico e stabile nel futuro. Un amore vero non si basa su ciò che si riceve ma su quello che si è in grado di dare, l’amore vero è quello che dona, non quello che riceve. L’amore liquido, estemporaneo, lascia aridi, insoddisfatti ed ancor più affamati di sentimenti. Riflettiamo, tutti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: