I migliori chef stellati Michelin

Ecco i migliori chef stellati Michelin più decorati al mondo e perché sono considerati i migliori chef del mondo.

Gli Chef Stellati più premiati con le stelle Michelin che sono nell’Olimpo della cucina mondiale.

Alain Ducasse – 19 Michelin Stars

Alain Ducasse - chef stellati

Ha 36 ristoranti sparsi in tutto il mondo. E’ uno degli unici due chef a detenere 21 stelle Michelin ed è il primo chef a possedere ristoranti con tre stelle Michelin in tre città.

Nel 2015 ha inviato pasti agli astronauti in orbita attorno alla Terra a bordo della Stazione Spaziale Internazionale.

Pierre Gagnaire – 14 Michelin Stars

Ha ricevuto la sua prima stella a soli 26 anni.

Il ristorante in Rue Balzac a Parigi ha mantenuto tre stelle Michelin per più di due decenni. Oggi supervisiona 18 ristoranti gastronomici in tutto il mondo, tra cui Sketch a Londra, uno dei migliori ristoranti con stelle Michelin di Mayfair.

Martin Berasategui – 12 Michelin Stars

È uno dei pochi chef al mondo che ha due ristoranti con tre stelle Michelin al loro nome.

Ha guadagnato la sua prima stella Michelin all’età di 25 anni per Restaurant Lasarte-Oria. Il celebre ristorante ha ricevuto una terza stella Michelin nel 2001 ed è da 6 anni nella lista dei 50 migliori ristoranti del mondo.

Berasategui ha aperto altri tre ristoranti con stelle Michelin a Tenerife e Barcellona. Possiede anche altri sei ristoranti in tutto il mondo nella Repubblica Dominicana, in Messico e in Costa Rica.

Yannick Alleno – 10 Michelin Stars

Yannick Alleno

Dirige diciotto ristoranti in tutto il mondo. Il suo Alléno Paris au Pavillon Ledoyen è uno dei ristoranti più antichi di Parigi, situato nei giardini degli Champs – Élysées. Ha tre ristoranti stellati nella Guida Michelin francese 2020. Nel 2020 Pavillon Ledoyen è diventato il locale indipendente più stellato al mondo.

Dal 2013 ha avviato il proprio movimento culinario, chiamato Modern Cuisine. Come parte della sua ricerca, ha studiato da vicino le salse e ha persino brevettato una tecnica, le Estrazioni®.

Anne-Sophie Pic – 8 Michelin stars

Anne-Sophie Pic

Otto stelle nei suoi cinque ristoranti.

Dopo aver ottenuto tre stelle per il ristorante di famiglia, Pic ha aperto un secondo ristorante, il ristorante Anne-Sophie Pic, che celebra la stirpe culinaria di Valence.

Gordon Ramsay – 7 Michelin stars

Ha ricevuto 16 stelle Michelin nel corso della sua carriera, attualmente ne detiene sette. Il suo ristorante d’autore, il Restaurant Gordon Ramsay a Londra, ha ottenuto 3 stelle dal 2001, rendendolo il ristorante con tre stelle Michelin più longevo di Londra.

Possiede 35 ristoranti in tutto il mondo.

Chef Stellati: Thomas Keller – 7 Michelin stars

È lo chef più decorato d’America, attualmente con 7 stelle. È anche l’unico chef americano a detenere contemporaneamente tutte e sei le sue sette stelle totali.

Uno dei suoi cinque ristoranti, The French Laundry, tre stelle Michelin, ha recentemente festeggiato il suo 25° anniversario ed è stato in due occasioni considerato il miglior ristorante del pianeta.

Yoshihiro Murata – 7 Michelin stars

Yoshihiro Murata

Quattro ristoranti in tutto il mondo e 7 stelle Michelin. Nel 2020 è stato nominato vincitore del prestigioso American Express Icon Award nell’ambito del programma di premi Asia’s 50 Best Restaurants.

Murata è il proprietario di terza generazione del secolare ryotei [ristorante giapponese di fascia alta] della sua famiglia con tre stelle Michelin, il Kikunoi a Kyoto.

Seiji Yamamoto – 7 Michelin Stars

Seiji Yamamoto

Dalla sua apertura, il ristorante Ryugin di Tokyo di Yamamoto è diventato una destinazione per altri geni culinari, tra cui Joël Robuchon. Possiede anche un ristorante a Hong Kong e un altro a Taipei, entrambi presenti nella lista dei 50 migliori ristoranti asiatici.

Nel 2019 è stato votato come il primo vincitore in assoluto dell‘American Express Icon Award.

Andreas Caminada – 7 Michelin stars

Andreas Caminada

Andreas Caminada ha iniziato la sua carriera come umile pasticcere, ma alla giovane età di 26 anni, è subentrato come inquilino e chef di cucina allo Schloss Schauenstein, uno storico ristorante del castello nelle Alpi svizzere. Da allora, il ristorante ha ottenuto un successo senza precedenti, essendo stato premiato con 3 stelle Michelin e 19 punti Gault Millau.

Caminada possiede altri 2 ristoranti con stelle Michelin, IGNIV di Andreas Caminada al Grand Resort Bad Ragaz e Badrutt’s Palace-Hotel.

Heston Blumenthal – 6 Michelin stars

Heston Blumenthal

Heston Blumenthal detiene 6 stelle Michelin. È stato persino premiato con un OBE da Sua Maestà la Regina per i suoi servizi alla gastronomia.

Nel 1995  ha aperto il suo ristorante The Fat Duck a Bray, nel Berkshire. Nel 2005, The Fat Duck è stato nominato il miglior ristorante del mondo, famoso per il suo menu degustazione di quattordici portate con piatti come uova strapazzate alla nitro e gelato al bacon.

Masahiro Yoshitake – 6 Michelin Stars

Masahiro Yoshitake

E’ riuscito a collezionare sei stelle Michelin con solo due ristoranti. Il suo ristorante di Tokyo Sushi Yoshitake è un intimo sushi bar a sette posti che gestisce con un team di quattro persone, sua moglie gestisce il front of house.

Il suo acclamato ristorante ha ricevuto tre stelle Michelin nel 2012 ed è attualmente l’unico omakase a 3 stelle Michelin a Tokyo. Yoshitake si è espanso a Hong Kong, aprendo Sushi Shikon nel Landmark Mandarin Oriental, che ha ricevuto tre stelle Michelin ogni anno dal 2014.

Chef Stellati: Heinz Beck – 5 Michelin stars

Heinz Beck - Chef Stellati

Heinz Beck guida il ristorante La Pergola di Roma, con tre stelle Michelin.

Insieme ad altri 10 chef italiani, Beck ha fondato L’Ordine dei Cavalieri della Cucina Italiana per comunicare con le istituzioni e i media nazionali e internazionali come un fronte unito.

Jordi Cruz – 5 Michelin stars

Jordi Cruz - Chef Stellati

A 24 anni è diventato lo chef più giovane in Spagna e il secondo al mondo a ricevere una stella Michelin. Da allora, Cruz ha vinto molti altri premi e ora ha 5 stelle Michelin al suo nome.

Cruz guida il ristorante ABaC, considerato il riferimento gastronomico del catalano, il ristorante detiene ora 3 stelle Michelin. L’abilità culinaria di Cruz si estende oltre la cucina poiché è anche autore di 6 libri e giudice su Masterchef Spagna.

Paco Perez – 5 Michelin stars

Paco Perez - Chef Stellati

E’ conosciuto nel mondo culinario per il suo ristorante due stelle Michelin Miramar.

Quique Dacosta – 5 Michelin stars

Quique Dacosta - Chef Stellati

Quique Dacosta Restaurant ha accumulato 3 stelle Michelin.

Nel 2005 ha pubblicato il suo libro Arroces Contemporáneos che offre una recensione approfondita di questo ingrediente. Dacosta ha anche pubblicato altri 3 libri, tra cui il suo ultimo De Tapas con Quique Dacosta, che accompagna i lettori in un viaggio attraverso le cucine dei suoi quattro ristoranti, ciascuno rappresentato da 20 piatti.

Italia

E in Italia? È lo chef Enrico Bartolini, con 9 stelle Michelin: 3 con il ristorante che porta il suo nome al Mudec (Museo delle culture) di Milano e le altre per i suoi ristoranti in tutta Italia (il Glam a Venezia, il Casual Ristorante a Bergamo Città Alta, La Trattoria Enrico Bartolini a L’Andana Resort di Castiglione della Pescaia, in provincia di Grosseto, la Locanda del Sant’Uffizio, a Cioccaro di Penango, in provincia di Asti). La nona stella gli è stata assegnata con la Guida Michelin 2021: è stata attribuita al suo Poggio Rosso di Castelnuovo Berardenga, provincia di Siena.

Enrico Crippa, titolare del ristorante Piazza Duomo, ad Alba, provincia di Cuneo, ha tre stelle Michelin. Ma ha conseguito anche altri importanti riconoscimenti, come le Tre Forchette di Gambero Rosso e i 5 Cappelli di L’Espresso. Inoltre fa parte della top ten della classifica Le Chef.

Anche Massimo Bottura dell’Osteria Francescana, provincia di Modena, vanta ben tre stelle. Inoltre ha conquistato il titolo di “miglior ristorante al mondo” fra i World’s 50 Best Restaurants.

Massimiliano Alajmo detiene un primato: è stato lo chef italiano più giovane a ricevere le tre stelle Michelin. Aveva 28 anni e aveva da poco preso le redini del ristorante della madre, Le Calandre (Rubano).

Nadia Santini, per il suo ristorante Dal Pescatore, a Canneto sull’Oglio, è stata la prima chef donna a ottenere tre stelle Michelin. Non solo: nel 2013, nell’ambito del World’s 50 Best Restaurants, è stata premiata come “miglior chef donna del mondo”.

Niko Romito del Reale di Castel di Sangro ha conquistato tre stelle grazie alla sua cucina “semplice”, come lui stesso la definisce. «Nel senso che manca di complicazione, eppure sottintende una notevole complessità. La complessità in cucina può essere vantaggiosa, la complicazione mai».

Heinz Beck, chef di origine tedesca, dopo una formazione in giro per l’Europa, è arrivato a La Pergola di Roma, dove ha ottenuto due stelle. Quattro anni dopo arrivano la terza stella Michelin, cinque forchette Michelin, 4 cappelli nella guida di L’Espresso, 95/100 in quella del Gambero Rosso, tre stelle del Veronelli.

Chicco e Roberto Cerea sono due fratelli: il loro ristorante Da Vittorio di Brusaporto, provincia di Bergamo, ha meritato tre stelle. Ed è un luogo simbolo della cucina lombarda: Est Lombardy ha insignito Chicco Cerea quale proprio ambasciatore.

Fabio Pisani e Alessandro Negrini, insieme, hanno fatto riguadagnare a Il Luogo di Aimo e Nadia (Milano) la seconda stella, che aveva perso.

Stefano Baiocco, nel suo Villa Feltrinelli (Gargnano), propone ricette che prepara con le erbe aromatiche che coltiva in loco, e di cui è un vero appassionato. Due stelle Michelin.

Davide Oldani, dopo una lunga esperienza nei ristoranti di tutto il mondo, lavorando fianco a fianco con maestri del calibro di Albert Roux, Marchesi e Ducasse, ha aperto D’O a San Pietro all’Olmo, con cui ha ottenuto la prima e poi la seconda stella Michelin.

Carlo Cracco, allievo di Marchesi, è stato uno dei primi chef a partecipare a programmi di alta cucina. Il suo ristorante Cracco (Milano) ha ricevuto due stelle Michelin, però poi – nel 2018 – ne ha persa una.

Antonino Cannavacciuolo, Chef partenopeo molto noto in TV… Villa Crespi 2 Stelle Michelin   (dal 2006) Cannavacciuolo Café & Bistrot (Novara) 1 Stella Michelin  (dal 2018) Bistrot Cannavacciuolo (Torino) 1 Stella Michelin  (dal 2018) LAQUA Countryside (Ticciano)1 Stella Michelin  (dal 2021)

Bruno Barbieri, Durante la sua carriera è stato insignito di 7 stelle Michelin, rimanendo per molti anni lo chef italiano ad aver ottenuto tale riconoscimento il maggior numero di volte, record poi superato da Enrico Bartolini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: