Successo per la 12esima edizione de I dolci delle feste dei grandi interpreti by Mulino Caputo

Non è Natale senza “I Dolci delle Feste dei Grandi Interpreti by Mulino Caputo”. La grande kermesse, ospitata all’interno del Grand Hotel Vesuvio a Napoli, anche quest’anno ha riscosso grande successo. Il tema della 12esima edizione, i Frutti rossi e la frutta secca, è stato interpretato da 10 maestri pasticceri che si sono sbizzarriti nelle proprie creazioni.

Sal De Riso, oltre i suoi impareggiabili panettoni, ha proposto un Bauletto di Frangipane alle mandorle, con frutti di bosco, mele annurche, spezie davvero gustoso. Santi Palazzolo, della Pasticceria Palazzolo, di Cinisi (Palermo), ha realizzato una squisita torta ispirata ad una antica ricetta di famiglia e caratterizzata dalla frutta secca tostata e dall’aromaticità delle spezie che ha chiamato Armony.

Tornando in Campania, se Giuseppe Cristofaro della Pasticceria Dolce Voglia di Frattaminore (Napoli) ha preparato “senza glutine” i roccocò e struffoli della tradizione partenopea, Marco Infante, pasticcere di Casa Infante assieme al fratello Fabio, ha messo a punto una Cassata spassosa con confettura ai frutti rossi e il Nocciomandorlacchio. Spostandoci al Nord, il padovano Luigi Biasetto ha preparato una Guirlande de Noël (Ghirlanda di Natale) leggera come una piuma e interamente ricoperta con frutta secca, frutta candita, frutti rossi e spezie. Una vera leccornia.

Pasquale Pesce della pasticceria Pesce di Avella ha realizzato le cassatine alla frutta secca, una bavarese con pistacchio e lampone e il Panettone Avola, con pasta di mandorle e amarene mentre Ciro Poppella, ha presentato il suo nuovo dolce: O’ Munacone con una sbriciolata di roccocò al pistacchio e mela annurca. Una Cassata di Natale e un dolce a forma di ‘corno’ napoletano fatto di marzapane e cioccolato ha caratterizzato la proposta di Salvatore Capparelli, dell’omonima pasticceria napoletana, mentre Sabatino Sirica insieme alla nipote Ilaria Varriale ha offerto agli occhi e al palato una deliziosa Cream tart natalizia, con pasta frolla alle mandorle, nocciole, pisto, e farcitura ai frutti rossi.  Infine, Rocco Cannavino alias Zio Rocco, dello Zio Rocco Lab Store, insieme con lo chef stellato Francesco Sodano e con il maestro d’arte presepiale, Marco Ferrigno, ha presentato, esposto in una teca creata ad hoc, il Cornetto Magma, realizzato utilizzando carbone vegetale e lamponi liofilizzati con all’interno una crema al latte di bufala ai limoni vesuviani e marmellata acida di limoni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *